EDIFICIO URBANO

SANTA CHIARA

1978 - Vicenza

RESTAURO E AMPLIAMENTO

Il restauro del fabbricato adiacente la chiesa Vicentina di Santa Chiara è integrato da una ristrutturazione. Da un lato si aveva infatti un palazzetto risalente al 600, mentre la parte propriamente aderente alla chiesa era stata eseguita ai primi del 900. 

santa-chiara-edificio-studiofaresin-vice
0158-santa-chiara-foto-12.png

Quest’ultima costituiva un corpo assolutamente estraneo. Si pose fin dall’inizio il problema del linguaggio, anzi dell’atteggiamento da adottare. “Tra molte discussioni e fatiche con gli uffici tecnici del Comune, dal 72 al 78, abbiamo pensato fosse più giusto progettare una struttura architettonica moderna, senza falsità ed opportunismi, che liberasse la chiesa a pianta ottagonale e che chiudesse l’isolato sul fianco di essa.”

santa-chiara-vicenza-studiofaresin-archi

Ed è evidente che questa presa di posizione, l’unica corretta, non poteva evitare di suscitare opposizioni e contrasti, in nome di un malinteso ambientamento.

In questo caso il problema era: primo di sgombero degli edifici addossati, secondo di sutura. 

Quest’ultima ha luogo attraverso una configurazione chiara e mossa del piccolo spazio antistante il corpo della chiesa.

studiofaresin-architettura-vicenza-ristrutturazione-santachiara-pianta-pianoterzo
studiofaresin-architettura-vicenza-ristr
studiofaresin-architettura-vicenza-santa

Sono state recuperate le pietre tombali per essere utilizzate come quinte per l'ingresso.

Non soltanto l’ottagono si affranca nello spazio come era necessario, ma la sutura ricercata è essa stessa di tipo spaziale; i corpi ricostruiti garantiscono un vuoto articolato e relazionano con equilibrio rispetto ai corpi antichi.

0158-santa-chiara-foto-14.png
0158-santa-chiara-foto-10.png
0158-santa-chiara-foto-18.png
Edificio-santa-chiara-studiofaresin-vice

Pubblicazioni: Architettura cronache e storia  n. 339/1984 - Parametro n. 204/1994